Come leggere il packaging dei cosmetici

Quante volte ci è capitato di sentirci confusi nel momento in cui vogliamo leggere o capire il packaging dei cosmetici?

Dopo a nuova normativa 1223/2009 uscita nel 2009 sui prodotti cosmetici, che obbliga le case cosmetiche a includere sul packaging numerose informazioni per il consumatore, è importate sapere che cosa possiamo trovare sugli imballaggi o contenitori dei cosmetici che compriamo.

Tutto quello che spalmiamo sulla pelle, penetra nel nostro corpo e noi riteniamo fondamentale che il consumatore sia consapevole e informato.

Per fortuna, nel mercato cosmetico c’è una crescente tendenza verso tendenza  verso una maggiore trasparenza nelle etichette. Molti consumatori,infatti,  stanno diventando sempre più interessati a conoscere gli ingredienti contenuti nei cosmetici che stanno comprando.

Guida a una lettura completa del packaging dei cosmetici

Con questo articolo vogliamo “tradurre” e spiegare tutte le informazioni che puoi trovare in una etichetta o packaging dei cosmetici, per aiutarti a comprendere ogni parola e ogni simbolo che puoi incontrare. Vogliamo che i consumatori siano in grado di sapere se un cosmetico è valido e siano più consapevoli nel momento di acquistarlo.

Una delle parti più complesse rimane L’INCI, ovvero la lista dettagliata degli ingredienti.

INCI (International Nomenclature of Cosmetic Ingredients)

L'INCI è la denominazione internazionale che si utilizza per indicare gli ingredienti presenti dentro un prodotto cosmetico.

La lista degli ingredienti nel mondo della cosmetica funziona come nell’alimentazione. Gli ingredienti si scrivono in ordine di concentrazione nella formula: dal più concentrato al meno concentrato. Gli ingredienti in quantità inferiore all’ 1%, si trovano in ordine sparso.

Molti ingredienti pero, vengono scomposti nei loro componenti base. Questo vuol dire che ad esempio la vitamina E normalmente in concentrazione 1-2%, nella lista INCI viene scomposta nei suoi componenti: Beta-Sitosterol, Squalene, Glycine Soja Oil (che troveremo al fondo della lista essendo in contrazione minore all'1%).

Gli ingredienti vengono nominati usando il loro nome scientifico secondo la Farmacopea (il codice farmaceutico che descrive i requisiti di qualità e le caratteristiche di tutte le sostanze ad uso farmaceutico).  I derivati vegetali vengono indicati con il nome latino botanico della pianta da cui derivano e normalmente sono ben riconoscibili.

Gli altri ingredienti vengono nominati in inglese con il loro nome chimico. È per questo che a volte capita di leggere dei nomi impronunciabili!

Si tratta, infatti, di ingredienti sintetici chimici, spesso dannosi, come siliconi (Dimethicone e Cyclopentasiloxane), parabeni (Methylparaben, Ethylparaben, Propylparaben…) ) o derivati del petrolio (Paraffinum, Petrolatum, Paraffinum liquidum, Vaseline, Mineral oil).

I coloranti vengono indicati alla fine dell’elenco, usando le numerazioni a loro assegnate secondo una lista internazionale chiamata “Color Index”. Nel nostro caso, non utilizzando coloranti, non troverete nessun codice.

La fragranza viene indicata con la parola “parfum”. Nel nostro caso la fragranza è a base di oli essenziali e per questo troverete alla fine dell INCI dei componenti indicati con due asterischi (**).

Packaging dei cosmetici ecobio

Gli ingredienti derivati dall’agricoltura biologica vengono identificati con un asterisco (*) vicino al nome latino botanico.

In tutti i prodotti Bodhi Naturae troverete sempre due frasi alla fine dell’INCI e una (%) nella confezione:

  • la frase Organic certified ingredient: indica che gli ingredienti con l’asterisco sono ufficialmente certificati ecobio.
  • la frase Naturally occuring in essential oils: indica che gli ingredienti con i due asterischi sono componenti naturali certificati derivati dagli oli essenziali. Noi, infatti, utilizziamo solo gli oli essenziali per profumare le nostre preparazioni.
  • un numero % vicino al simbolo della nostra certificazione, indica la quantità, in percentuale, degli ingredienti certificati ecologici. Questo è molto importante perché, essendo la nostra una marca certificata ufficialmente la nostra % è ufficiale. Diffidate da chi scrive (%) senza un logo ufficiale.

Ora parliamo delle certificazioni e dei vari loghi ufficiali, che si possono trovare nei vari prodotti cosmetici.

Identificazione della certificazione ecobio

Nei prodotti certificati ufficialmente naturali e/o ecobio incontriamo i loghi ufficiali delle marche dei vari enti di certificazione: Ecocert; Cosmos, BioVidaSana Bio.Inpecta ( la nostra) ICEA, Natrue, Soil association…

Certificazione Eco-Bio
Certificazione Eco-Bio BioVidaSana Bio.Inspecta

La certificazione assicura che il prodotto segua i severi requisiti dell’ente che certifica la cosmetica biologica. Questo ci aiuta nel momento in cui dobbiamo distinguere se una marca è davvero ecologica o non lo è, e, quindi, solamente segue il trend del momento scrivendo “naturale o bio”.

 

cruelty-free bunny

Cruelty-free

Il bunny rabbit indica che un prodotto non è stato testo in animali (cruelty-free). In Europa, per fortuna, è proibito per legge eseguire test sugli animali. Per questo, normalmente, non incontriamo loghi come il Bunny o il logo P.E.T.A. Dal momento che non tutti lo sanno, però, noi preferiamo ricordarlo.

Data di scadenza

La data di scadenza indica fino a che punto il prodotto è sicuro ed efficace. Infatti, dopo questa data gli ingredienti possono cambiare in aspetto, colore,  o texture e non essere più sicuri. Si può trovare scritta in qualsiasi lato della scatola o contenitore e normalmente è vicino al numero di lotto.

simbolo stima

 

Simbolo di stima

Il simbolo "e" (estimated symbol) certifica che il contenuto della confezione del prodotto rispetta i criteri di stima Europei di quantità media del prodotto. Qusto ci dà una certezza sul fatto che il peso e/o il volume effettivo del cosmetico è preciso rispetto al numero indicato sulla confezione. Inoltre, garantisce che il prodotto proviene dall'Unione Europea.

Simbolo open book

Questo simbolo, con un libro aperto e una mano che punta sul libro, indica che esistono informazioni aggiuntive disponibili in un foglietto informativo dentro la scatola. Infatti, molte volte, come nel nostro caso, non è possibile scrivere tutte le informazioni sulla scatola esterna o sul contenitore e, quindi, lo si aggiunge.

open book cosmetic symbol

 

Open Jar cosmetics symbol

 

Simbolo PAO

Definito come PAO, ovvero period afer opening, questo simbolo, rappresentato da un vasetto aperto con la scritta 6m, 12m o 24m, indica la durata di conservazione, in mesi, del prodotto dopo la sua apertura. I nostri prodotti, per esempio, essendo naturali e non trattati, hanno una durata di 6 mesi dopo l’apertura.

Simbolo clessidra

Questo simbolo indica la data di scadenza del prodotto. Ovvero “utilizzare preferibilmente entro” questa data. In alternativa, come abbiamo detto prima, si scrive direttamente con “use before” insieme al numero di lotto.

hourglass cosmetics

 

 

Simbolo riciclaggio punto verde

Simbolo riciclaggio punto verde

Il punto verde, chiamato Der Grune Punk, in tedesco, è il logo utilizzato per indicare lo smaltimento del packaging nel punto verde. È composto da due frecce che si intersecano all’interno di un cerchio.

Simbolo Mobius loop

Questo simbolo disegnato nel 1971, con le tre frecce verdi che si susseguono in forma circolare, è il simbolo internazionale del riciclaggio della carta e del cartone. Indica che il prodotto è fatto con un materiale riciclabile.

Mobius loop symbol

 

Noi lo sostituiamo con la scritta “packaging riciclabile” indica che l’imballaggio e il contenitore sono 100% riciclabile.
Nel nostro caso, inoltre, la carta che usiamo è composta da carta totalmente riciclata (oltre che rciclabile).

raccolta differenziata

 

Simbolo non disperdere nell’ambiente

Questo simbolo con un omino che butta nel bidone il contenitore, sta ad indicare che non bisogna disperdere nell’ambiente l’imballaggio dopo l’uso.

Era obbligatorio in Italia in sostituzione della dicitura “non disperdere nell’ambiente dopo l’uso” dopo il DM 28/06/1989. Poi, pero, la legge è stata abrogata. È rimasta l’usanza di mettere questo simbolo volontariamente perché incoraggia ad uno smaltimento responsabile ed a non abbandonare i rifiuti nell’ambiente.

Ora che sei informato su come leggere l'INCI e interpretare i vari simboli contenuti nei packaging dei cosmetici, è il momento di cominciare a fare scelte consapevoli e sostenibili per te stesso, i tuoi cari e il pianeta.

Soprattutto è il momento di scegliere che cosa ti vuoi mettere sulla pelle.

Con affetto,

Cecilia